Mary in June – Tuffo

Data: 20 aprile 2016 |

Album Information

Mary in June – Tuffo

L’album di esordio dei Mary in June per la V4V Records. Tuffo. Album d’esordio, Aprile 2016. D’esordio, ma già nel 2011 uscirono con L’Ep Ferirsi. Prodotti artisticamente da Giorgio Canali. Ragazzi malinconici che strillano il dolore, come fosse piacere. Non è un album per tutti. Non è un album da intrattenimento. Viaggia tra le viscere dell’essere umano. Vivere non è facile e loro lo dicono chiaramente. Il tuffo è quello, probabilmente. Tuffarsi nella vita e nelle paure con coraggio. Denso, molto denso questo album. Non sicuramente un album che canta l’allegria. Ma non è che si può sempre cantare l’allegria. E se ne vanno con un libro di Dylan Thomas sottobraccio e non riescono a dormire. Il suono è riconoscibile, già per chi ha sentito anni fa Un giorno come tanti, anche rivisitata da Canali nel suo album e riproposto anche in questo album con una sua partecipazione, riconosce lo stile dei Mary in June.

Il cantato è un recitato, scandito e gridato. Si alterna il soft al graffiante, musicalmente: arpeggi iniziali e distorsioni successive. I testi rigorosamente in italiano e propongono mantra malinconici ben scritti, che si ripetono ossessivamente, ritornellando dolore strillato. Lo schema è questo per le dieci canzoni, con sfumature diverse per ognuna. Un flash per ognuna: Sogni per l’analista, apre l’album, con un tramonto in una scatola di cartone e spiega che il dolore ha la stessa origine del piacere. Segue Combustibile, singolo che precede l’album: l’illusione non ci rende migliori ma ci rende felici. Fango, e compare Dylan Thomas e notti insonni. Nuova Fine, ossia nuove paure. Confini, stavolta più soft, rispetto alle altre. Perfetto, spiega che non si può far sempre finta di star bene. Costole, breve ed intensa. Un giorno come tanti, ormai famosissima. Dimentica: perché tutto quello che abbiamo perso, difficilmente ce lo ridaranno. Qualcuno con cui correre, chiude l’album: per scegliere il panorama migliore. In definitiva, un album post punk.

Editor Review

  • valutazione

    0 Punti / 100 Punti

    80 Punti
Album Cover
Album Tags

Lascia un commento

0 Comments on Mary in June – Tuffo

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>