Tribucstock Day #3 03/08/14

Data: 4 agosto 2014 |

Tribucstock Day #3 Time

Evento Information

Quando il mare urla in tempesta, cingendo d’assedio le scogliere mediterranee con fragorosa forza, mentre il sole si nasconde dietro nubi cariche di pioggia, tu sei lì a reggerti al vento, schiudendo gli occhi e abbracciando il sublime.
Eppure è una tempesta, uno spettacolo di atroce forza della natura che può spazzarti via.
E allora perchè questo senso di piacevole immensità?
Perchè è la vita che sfugge alla morte e vuole domarla, dimenticando, però, che anche lo scoglio è eroso dal mare.

E proprio davanti a questo spettacolo onirico, mi risvegliai di colpo.
Sentii due ragazzi chiacchiare davanti le ceneri, con i carboni del fuoco che ancora pezzavano vapore, e mi avvicinai. Girammo un paio di paglie belle secche e iniziammo a raccogliere un po’ di legna per il pranzo.
Quando a metà mattinata gli altri si svegliarono, io ero molto stanco.
Non eravamo rimasti in molti, per cui l’atmosfera diventò ancora più “intima” di quanto non lo fosse già. Allora pensai che forse avrei dovuto approfondire meglio la questione sul perchè eravamo lì.
Tribucstock è nato 3 anni fa, quando tra amici portarono due tende qui per passare qualche giorno lontani dal mondoDisse Isa.
Tre anni dopo la situazione stava accogliendo sempre più persone e questo poteva solo significare che l’ideale era condiviso.

Allora cos’è Tribucstock?
Dicevo, cercare di definirlo sarebbe stato riduttivo. Per cui bisognava solo viverlo per rendersi conto che, mentre la partenza si avvicinava, qualcosa sarebbe cambiato.
Significa prendere coscienza che, talvolta, la musica e l’arte possono unire più di quanto non facciano trattati internazionali, guerre, confini e parole. Che forse c’è una dimensione primitiva da riprendere e lo si può fare solo passando per la natura, guardando gli alberi con occhi diversi e sciolti da qualsiasi condizionamento artefatto esterno, pur non arrivando alla vetta della montagna.
Che, al contrario di quanto il sistema globale pone come universale, non è vero che chi si ferma è perduto e che uno vale uno, perchè se si può essere così vicini pur vivendo vite separate allora questa energia può davvero prevalere.

Perchè questo tempo che corre e cambia secondo per secondo, cancellando a sua convenienza pezzi del nostro passato, smontando culture e vendendole a poco prezzo, crea ancora delle contraddizioni; individui che credono di essere soli ma che in qualche notte riescono a lanciare l’incognita che nel piano cartesiano rende la funzione impossibile.
La massificazione genera antinomie, individui diversi che vogliono aggregarsi e creare un’onda.
Perchè il mare infrangendosi in tempesta contro i muri di un molo, pur non abbattendolo, riesce a lasciare un segno. E se all’inizio erano una goccia, dopo tre anni siamo una pioggia, tra non molto saremo una tempesta.

Editor Review

  • Performance

    0 Punti / 100 Punti

    0 Punti
  • Pubblico

    0 Punti / 100 Punti

    0 Punti
  • Organizzazione

    0 Punti / 100 Punti

    0 Punti
Cover Evento
Tag Evento

Lascia un commento

0 Comments on Tribucstock Day #3 03/08/14

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>