Tribucstock Day #1 01/08/14

Data: 2 agosto 2014 |

Tribucstock Day 1 Time

Evento Information

Day 1: Il Gran Ricevimento

Dopo l’indecisione di fine Luglio, l’estate ha aspettato Agosto prima di presentarsi in grande stile.
In questo caldo opprimente, steso nel letto della mia camera, ascolto i Pink Floyd correre sulla Narrow Way mentre aspetto una Seicento carica di scorte e tende che mi venga a prendere per l’Appennino Campano.
L’auto dà un po’ l’idea dei vacanzieri delle vecchie generazioni, con le loro piccole auto italiane – che ancora odorano di nuovo bene di consumo fresco di fabbrica – che partivano alla volta degli splendidi litorali mediterranei.
Oggi, forse poco più di mezzo secolo dopo, la situazione a Pomigliano decade, con gli scioperi e il disagio, mentre la Fiat, da “mito” italiano, diventa Fiat Chrysler e si delocalizza un po’ in giro per l’Europa.
E così il marchio italiano si riafferma solo una manovra di marketing.

Il Pilota aveva il cellulare scarico e nessuno di noi altri, cioè noi tre passeggeri, aveva un apparecchio che ci indicasse la strada. Vecchio stile, dovevamo usare l’intuito. Dopo circa 30 minuti di ciondolamento perpetuo, imboccammo la strada per la pineta e trovare l’accampamento non fu difficile. Già da lontano, nel buio delle  10.30 di sera, si vedevano le luci e i colori.
Ma sopratutto, c’era Bob ad accoglierci.

Inciampai in una scatola di bombolette spray e un grosso telone bianco era appeso tra due alberi.

Simo e Angelo erano lì a fissare la tela bianca, con dei pezzi di cartone in mano. E in pochi movimenti, un misto tra una danza arabica e una direzione d’orchestra, lo striscione per Tribucstock 2014 è pronto.
Così è: basta la creatività, il genio e l’espressività dell’artista per creare arte anche con i sassi.

Sotto l’arco della struttura malmessa sulla quale appendemmo lo striscione, fu arrangiata una mezza cucina e console da DJ con tanto di PC portatile. Di fronte ad essa, un piccolo spiazzo con grandi scalini era diventato il luogo del falò.  Tutto sommato, Pineta Tribucchi non è poi così male.

Diego, che mi aveva fatto presente l’evento qualche settimana fa, conosceva già gli escursionisti/organizzatori degli anni precedenti.
Vicino il logo dell’ARCI Palma Campania, riconobbi subito Bias e la sua ragazza Isa. Il contesto quasi ce lo imponeva, era come se ci conoscessimo da sempre. “Pane e Birra” dicevano gli antichi egizi al prossimo per buon auspicio; Pane, Birra, Paglie e Musica direi che funzionano ancora meglio.

Poi posammo la macchina dopo aver montato tutto l’occorrente per dormire accampati in tenda.
Passammo la notte ad abbuffarci – per fortuna Chef è un maestro in cucina -, suonando alla luce del fuoco e della luna, bevendo, chiacchierando, conoscendo, fino a quando il sole non ci ricordò che la società detta tempi e che un altro giorno stava per arrivare.

Mi ritirai nella mia due posti con Frenk mentre gli uccelli cominciavano a canticchiare e le formiche iniziavano ad uscire dalle loro tane – per venire, ovviamente, nella MIA tenda – .
Lasciai cadere il capo all’indietro, sul terreno vivo coperto solo da un panno di plastica.
E mentre aprivo la porta ai primi minuti di riposo, l’ultima cosa che pensai prima di sprofondare nel sonno profondo fu: “Ma precisamente Tibucstock che cos’è?!”

…continua…

Editor Review

  • Performance

    0 Punti / 100 Punti

    0 Punti
  • Pubblico

    0 Punti / 100 Punti

    0 Punti
  • Organizzazione

    0 Punti / 100 Punti

    0 Punti
Cover Evento
Tag Evento

Lascia un commento

0 Comments on Tribucstock Day #1 01/08/14

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>