Tre uscite in vinile fuori dal comune

Data: 30 agosto 2016 |

Siete appassionati della musica in vinile? Ecco tre uscite molto desuete che sicuramente vorrete aggiungere alla vostra collezione!

Prima era il vinile, il vero passepartout della musica. I primi dischi erano incisi monofonici e letti da una puntina magnetica che raccoglieva il segnale per essere amplificato e riprodotto come onda sonora.

Poi con gli anni ’70 le cose cambiarono grazie ai Beatles che diedero vita al primo trentatrè giri inciso con un registratore multitraccia, fino ad arrivare ai CD rom che conosciamo ed usiamo ancora oggi, per atterrare poi alle piattaforme musicali on line come Spotify, sempre più utilizzate soprattutto tra i giovani. C’è da notare, comunque, che negli ultimi tempi il vinile sta tornando alla ribalta.

Ma in qualche casa ancora vive quell’enorme giradischi e l’odore di vinile, pezzo di storia e ricordi di ogni generazione. Ma udite udite, il vinile ritorna alla carica ed è già stato affermato da tre prossime uscite molto inusuali.

La prima è la colonna sonora del film Lèon proposta da Erick Serra. Il vinile in due dischi da 180 grammi, una ripresa che presenta anche delle stupende opere d’arte originali di Oliver Barrett.
Il film, scritto e diretto da Luc Bresson, segnò il debutto di Natalie Portman nel mondo del cinema. La soundrtrack di Lèon venne già rilasciata a metà degli anni novanta e riscosse un grande succesos in Giappone, dove vendette 100’000 copie.

La carica del vinile è testimoniata anche da Ince Staples che ha rilasciato una versione estesa di “06’”, cioè un vinile con le colonne sonore delle serie tv della rete di canali di cartoni animati Adult Swim. Fanno parte del network serie come I Griffin, Bob’s Burger, Rick e Morti e tanti altri. Questo è un altro chiaro segnale di voler rilanciare il vinile in tutte le sue dimensioni e non rivolgersi più solo ai nostalgici o alle nicchie musicali.

Passo in avanti per la musica è il vinile adattato ai videogame come attesta le colonne sonore dei videogame Golden Axe I e II, composte rispettivamente da Tohru Nakabayashi e Naofumi Hataya. E mentre tutti i giochi hanno optato per un approccio contemporaneo, qui si è preso ispirazione dal gioco D & D e Conan il barbaro ed il risultato è stato mozzafiato, per un cult dei giochi abandon che rimarrà nella storia insieme alla sua fantastica soundtrack.

Featured Image
Post Tags

Lascia un commento

0 Comments on Tre uscite in vinile fuori dal comune

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>