Summer of Love V – 2016

Data: 9 luglio 2016 |

Aria di Woodstock al Summer of Love V Time

Evento Information

È giunto alla quinta edizione Summer of Love, il festival messo in piedi interamente da Insomnia Concerti, che si appresta a diventare una delle più interessanti realtà campane per la produzione, il booking musicale e l’organizzazione di eventi. La giovane etichetta è sempre attenta, tra l’altro, ad artisti emergenti e indipendenti come quelli che, numerosi, si sono susseguiti durante la serata.

Alle spalle della batteria campeggia l’incantevole gufetto di Insomnia e aprono le danze verso le 23:00 i Lamarck che in circa un quarto d’ora propongono alcune cover rivisitate in quello stile in bilico tra l’alternative e il pop che li caratterizza, per proseguire poi con brani tratti da Love Budget, primo disco della band napoletana.

The Hello Dave prendono il possesso degli strumenti e ci calano completamente nel mood hippie che caratterizza la serata. Propongono, in poco più di venti minuti, tre cover brillantemente riuscite che spaziano da Jimi Hendrix, ai Beatles e culminano in Good Times, Bad Times dei Led Zeppelin di cui mi colpisce particolarmente l’uso quasi poetico fatto del basso. Chapeau! Concludono l’esibizione con un brano loro tratto da Tales from the Shore e passano la parola ai La Festa.

Sezione ritmica femminile e tanta voglia di divertirsi: l’esibizione è aperta da Inside contenuta nel primo disco della band, omonimo. Il live prosegue con alcune cover dei Velvet Underground e altri brani tratti dal primo ep della band casertana.

Sotto le luci dei riflettori abbiamo poi la dolcezza country di Emy Gentile seguita da Gabriele Troisi degli The Exploders Duo, band vincitrice, tra l’altro, di un contest che li ha portati ad aprire il live dei Ministri lo scorso Aprile, allo SMAV. Gabriele propone una sessione chitarra e voce prima di lasciare la parola a Niccolò Annibale che chiude la serata. Il giovane cantautore, che stende testi in napoletano su melodie pop-rock, ha presentato il suo disco, Ce voglio credere, proprio nell’ambito del festival, in uno dei numerosi stand che hanno arricchito il contesto hippie della serata.

Perché infatti del Summer of Love V non ha colpito solo la rosa di artisti proposta, ma anche l’atmosfera che si è riuscita a creare: la location scelta, il Sud Ethnic di Caserta, si è prestata perfettamente, con il suo ampio seppur intimo giardino, alla riproduzione fedele di quella che doveva essere l’aria che si respirava a Woodstock.

Cartelli che invitano all’amore e a bandire la guerra, ogni sorta di coperte, parei, teli, stesi sull’erba, drink e alcool a fiumi -che non guasta mai- a definire la cornice ideale per un hippie party assolutamente ben riuscito arricchito, inoltre, dai numerosi stand vintage e dalle esposizioni fotografiche alle pareti.

A questo punto non ci resta che sperare che questo sia un arrivederci e non un addio!

Editor Review

  • Performance

    0 Punti / 100 Punti

    80 Punti
  • Pubblico

    0 Punti / 100 Punti

    80 Punti
  • Organizzazione

    0 Punti / 100 Punti

    87 Punti

Lascia un commento

0 Comments on Summer of Love V – 2016

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>