Sensus: La prima Smartguitar al mondo.

Data: 21 dicembre 2015 |

Sensus, la prima chitarra elettrica smart di nuova generazione. Da non perdere!

Vi ricordate le fantastiche chitarre “modded” di Tom Morello?
Oppure l’innesto ultra-tecnologico (almeno per i tempi) di quelle del belloccio Mattew Bellamy?
Di tempo ne è passato un botto da quei primi modelli e le nuove tecnologie hanno aperto porte infinite nel settore dei music and performance instruments.

Il punto, credo, sia gestire alla meglio l’idea ed il nuovo “innesto”, senza mai rinunciare al concetto di “strumento musicale” strettamente legato all’unicità del suo suono e comparata qualità.
Salvo radicalismi di varia natura, in molti ci hanno già provato, ad esempio sulle chitarre, in particolare sulle chitarre elettriche.

Dalle ben note MIDI guitars della serie EZ Yamaha, alla Misa Digital Kitara, passando alle più recenti e sperimentali Fusion Guitar o il geniale ACPAD, fino ai rivoluzionari Pick-Up Fishman, oramai ne abbiamo sentite di tutti i tipi.
Tuttavia, sembra quasi ci si sia discostati sempre di più proprio da quel concetto di strumento musicale vero e proprio, in preda ad una fame di tecnologia futuribile, relegando quest’ultimo al ruolo di mero controller.

Sembra, però, che qualcuno sia riuscito nell’intento.
E questo prodotto di liuteria, per giunta, è Italiano.

Michele Benincaso è un liutaio foggiano e vanta un diploma di tutto rispetto essendosi qualificato presso la Liuteria Internazionale Antonio Stradivari di Cremona.
Benincaso è anche il fondatore dei Mind Music Labs, azienda svedese che ha progettato e realizzato la Sensus, la prima smartguitar  – dal tono più che serio – al mondo.

Partiamo dalle basi.

Il liutaio pugliese non ha risparmiato sulla sua arte, realizzando innanzitutto, uno strumento più che pregiato.
La Sensus è una chitarra elettrica tutti gli effetti, con vere corde che producono suono vibrando attraverso il legno; ed è progettata sul modello acustico dei violini di Stradivari. Insomma, non una semplice chitarra elettrica amplificata.

Tutto il sapere del suo creatore incontra, così, gli stessi legni pregiati della ricetta del liutaio che ha cambiato il mondo: Abete Rosso della Val di Fiemme, rigorosamente proveniente da un taglio ad altitudine superiore ai 1500 metri.
Meccaniche compatte e ponte inferiore con sellette individuali per corda.
Estetica moderna e look sobrio e minimale – ma non troppo.
Uno strumento musicale di tutto rispetto.
Andiamo avanti parlando delle specifiche della SmartGuitar Sensus.

Innesto tecnologico.

La Sensus vanta come equipaggiamento di bordo ben quattro touch-sensitive pads, multifunzione e programmabili, alla quale è possibile assegnare suoni, mute o funzioni di Rec&Play.
Un ribbon controller fa bella mostra di se sotto l’innesto fra manico e corpo, mentre un touch slider corre lungo tutta la misura del lato superiore del manico, diventando perfettamente ergonomico alla tastiera, come il binding.
Due knobs e due button sono di facile accesso al musicista, allocati sul lato superiore del body ed un sensore di prossimità si affaccia dal lato opposto del ribbon, sulla spalla dello strumento.
Ma non è mica finita qui!
La Sensus ha anche un sensore di movimento, come quello oramai in dotazione in ogni smartphone.
Immagino vi starete chiedendo a cosa serva tutto questo popò di roba.
Questa chitarra elettrica, oltre che fare ciò per cui è nata, è in grado di gestire effetti, suoni esterni di strumenti digitali di qualsivoglia tipo, basi, beats ed addirittura di registrare e loopare una intera performance: e tutto in “standalone” o dialogando tranquillamente con la app dedicata o il vostro software preferito.
Ecco quindi che, ad esempio, con un tocco al pad si lancia una cassa in loop; inclinando la chitarra si aggiunge o toglie un effetto -ad esempio- di vibrato, mentre comodamente si usa il Wah con l’ausilio del sensore di prossimità fra una pennata e l’altra ed un violino accompagna gli accordi intonandosi con lo spider al manico.
Davvero niente male…anche se è tutto un po’ già visto.

Smartguitar.

Cosa c’è di smart in questo strumento sarà di sicuro la vostra seconda domanda.
Sappiate che le informazioni che state per leggere potrebbero farvi deflagrare la testa.
Partiamo dalla prima tecnologia innovativa e veramente sorprendente di questo strumento.
La Sensus è dotata di un sistema Hi-Fi di riproduzione e cattura a 360º davvero unico: nella cassa risonante dello strumento non vi è alcun tipo di altoparlante o microfono.
E’ l’intero corpo dello strumento lo stesso microfono e speaker!
Insomma, non c’è bisogno di alcun amplificatore per suonare la chitarra elettrica Sensus!
Grazie ad una nuova tecnologia creata dal team di Benincaso (team che vanta Ingegneri e professori del MIT, Harvard, e del Royal Technology College di Stoccolma, così come la collaborazione di figure Italiane di rilievo quali Carlo Fischione, Stefano Zambon e Luca Truchet), l’intero body della chitarra è in grado di riprodurre suono in Hi-Fidelity tramite la sua stessa vibrazione e riuscendoci a tutto campo!
Sorprendente.
La seconda tecnologia è, invece, la parte intelligente dell’intero strumento.
Classificato come IoT Device, la Sensus ha un processore digitale e permette di registrare, riprodurre e condividere musica in real time su qualsiasi piattaforma internet, direttamente dallo strumento; allo stesso modo, permette registrazione in studio o su main stage o addirittura permette di suonare a distanza con una o più persone, live, in una sorta di streaming.
Immaginate, dunque, di stare comodamente seduti su di un divano, far partire il vostro brano preferito da Spotify direttamente dallo strumento , suonarci su assieme al vostro amico fuori sede e registrare l’intera performance nel vostro studio sotto casa, mentre ne gestite gli effetti in real time.
Ed ovviamente, la piattaforma digitale che va a gestire suoni, controlli e possibilità di impiego dello strumento è in espansione: dunque c’è solo da attendere la miriade di aggiornamenti che, nel tempo,  potrebbero spingere questa vera smartguitar chissà dove, accogliendo infinite possibilità.

L’aspetto davvero interessante dello strumento è ovviamente la sua possibilità di interazione.
Al fronte della musica e delle performance interattive, soprattutto quelle con il pubblico stesso, la Sensus si potrebbe rivelare una chiave preziosa, così come lo è già palesemente per la creatività di un musicista.

This is really smart.

Tutto ciò è in perfetta linea con la mission del fondatore del Mind Music Labs:

“Innovare, connettersi al mondo, non distaccarsi mai dalle tradizioni”.

Non ci resta che attendere l’imminente messa in produzione della Sensus che a quanto pare, ha davvero voglia di farsi sentire.

 

Guarda il video della Chitarra elettrica Sensus Smartguitar!

Featured Image
Post Tags

Lascia un commento

0 Comments on Sensus: La prima Smartguitar al mondo.

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>