Passenger – Runaway

Data: 9 settembre 2018 |

Album Information

Passenger – Runaway

Runaway è il nuovo album di Passenger che si confermerebbe un  vero uomo dei record!

Alias Michael David Rosenberg (classe 1984) è riuscito a sfornare in undici anni dieci album, quest’ultimo  il 31 agosto 2018 per Black Crow Records/Cooking Vinyl/Edel, anche in edizione Deluxe.

Tra gli artisti inglesi di maggiore successo degli ultimi anni, Passenger convive da sempre con un doppio aspetto dell’essere il menestrello più noto a livello mondiale; il lato più “radiofonico” ed estroverso e quello più intimo e personale. Runaway è in perfetto equilibrio tra questi due fattori: melodico, testi profondi e ritornelli pop-folk dall’impatto immediato. Registrato tra l’Inghilterra e l’Australia e prodotto dal collaboratore di lunga data Chris Vallejo, il nuovo disco si ispira al Nord America e dal lungo viaggio intrapreso dall’artista stesso.

My dad is American and we used to go over every other summer when we were kids. I always loved it. I
guess I was seduced by it a little bit. It was such a culture shock coming from England.

Musicalmente il disco prende spunti dalle tipiche melodie americane, tra lap steel, mandolini e banjo, a cui si
aggiungono Rob Calder al basso, Peter Marin alla batteria e Jon Hansen alle tastiere.

L’impronta stilistica predominante proviene dal substrato pluridecennale dell’artista, collezionista di migliaia di streaming con hit ai vertici delle classifiche, inglesi e non, per mesi.

Micheal è un romantico per eccellenza, senza dover sfoderare alcun virtuosismo vocale, racconta in un concept album incentrato sulla tematica viaggio, paesaggi, steppe, luoghi-fantasma (Ghost Town) o characters provenienti da storie ideali (Survivors), ma, come in un sempieterno accompagnamento da ballad, le sue canzoni sono composte da echi, parole aspirate e assoli elettrici pop. Non mi meraviglierei ad ascoltare una tracklist di Passenger durante i ‘lenti’ del ballo di fine anno anglici, ecco tutto.

Rispetto a The Boy Who Cried Wolf (2017), Runaway è però un disco meno monotono, suona meglio e con molta più scorrevolezza.

Consiglio: è bene ascoltare la versione deluxe del disco che ripropone le medesime tracks in versione live. Le emozioni sembrerebbero percepibili al tatto, alternativamente, perchè non optare per il 18 settembre 2018 all’Alcatraz?

Editor Review

  • Valutazione

    0 Punti / 100 Punti

    68 Punti
Album Cover
Album Tags

Lascia un commento

0 Comments on Passenger – Runaway

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>