Paolo Saporiti – Acini

Data: 23 marzo 2018 |

Album Information

Paolo Saporiti – Acini

Paolo Saporiti è un songwriter milanese dall’impronta folk. Il suo nuovo album Acini è espressione della necessità di dare nuova voce al cantautorato purista in Italia. Dieci brani soavi e scarni formano un lavoro discografico indipendente. Il musicista si lascia ispirare liberamente da artisti come Nick Drave, Tom Waits e Jackson Browne.

Saporiti coltiva il sogno della musica sin dalla giovinezza. Il suo approccio con la scena discografica avviene nel 1989 con un incontro che gli manda indietro un risultato insperato ma profetico. Paolo lavora per venti anni sulla sua produzione fino ad arrivare, nel 2009, ad incidere il primo album. The Restless Fall che gli apre la strada per un’ avventura di oltre 150 concerti in giro per l’Italia. Nel 2009 rilascia il disco L’Ultimo Ricatto arrangiato da Xabier Iriondo, chitarrista degli Afterhours.

A Due Passi Dal Cielo dischiude lentamente la porta della stanza di Saporiti. La batteria simula una marcia mentre suoni di sottofondo evocano immagini della natura. Il canto gentile del cantautore valorizza il messaggio del testo. “Non dire che tu sei parte di me, l’hai fatto per tutta la gente che conta in città, ogni due passi ti scopro più in là”. L’amore è un’ immagine apparente per la società?

America è un brano onirico che assomiglia ad un bolero in miniuatura e che ci proietta in luoghi assolati e sensuali. Chitarra e batteria generano un suono morbido che riserva per noi la voglia di danzare. La voce di Paolo allieta la melodia attraverso un ritmo personale che si coniuga a quello delle note. “Non era male restare a giocare così… restare bambini per poi liberarsi dai sogni”.

Cambieremo Il Mondo è un inno alla voglia di riscatto che è sopita in ognuno di noi. L’apertura è un’unione di note evocative che squarciano spazi vergini. La chitarra è la dea del sound. Le sue corde svegliano i nostri sensi. “E cambieremo il mondo e cambierà la pelle e il senso delle stelle”.

La Mia Luna chiude l’album attraverso toni romantici e delicati. Una ballata d’amore è la confessione di un uomo pieno di buoni sentimenti. “Se tu fossi lontana da sempre con le mani io ti prenderei, nel tenerti seduta in un palmo, alla Luna ti consegnerei”.

La musica di Saporiti è un incrocio tra acustica e sperimentazione. La spontaneità e l’ingenuità inaspettata della sua produzione fa spuntare negli ascoltatori il fiore della sensibilità. Ci appare necessario ascoltare l’album di Saporiti in religioso silenzio, pronti ad abbandonare tutti i nostri preconcetti e gli affanni del quotidiano. Non è infatti semplice poter entrare in sintonia col sound dell’album che, nonostante si presenti in una formula semplice, risulta complesso all’ascolto. La ricezione del suo messaggio è da decodificare. Bisogna entrare a testa bassa nel mondo di Paolo per poter prendere parte ai suoi voli pindarici.

Editor Review

  • Valutazione

    0 Punti / 100 Punti

    60 Punti
Album Tags

Lascia un commento

0 Comments on Paolo Saporiti – Acini

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>