Orchestra San Giovanni @ Ex OPG Occupato – Je so’ pazzo 29/12/15

Data: 30 dicembre 2015 |

Quando un centro sociale ospita un'orchestra classica Time

Evento Information

Porta un’orchestra in un centro sociale e..

Non ero mai stata all’Ex OPG. Tanti amici attivi e interessati a dare vita ad una città classicamente considerata “difficile” come la mia bella Napoli mi avevano invitata a più riprese a farci un salto per respirarne l’aria, sentirne l’atmosfera.

Materdei, il quartiere che lo ospita, sembra vivere in sordina: pochi negozi, stradone vuote, esposizioni moderne un po’ ovunque che tentano di dargli vita. Lo attraverso molto insicura. Poi, all’uscita dell’ennesimo vicoletto, eccolo:

La costruzione è enorme, seppure composta da spazi angusti che si susseguono, come si addice alla precedente funzione dello stabile (ricordiamo che “OPG” sta per “Ospedale Psichiatrico Giudiziario”).

Sbarre alle finestre, qualche vetro rotto. I ragazzi che lo occupano stabilmente sono qui da 10 mesi.

10 mesi che sono bastati a tirare a lucido le imponenti pareti grigie e a rivestirle di quello spirito rivoluzionario, sognatore e spudorato tipico dei centri sociali.

Mentre aspetto di entrare nel “Teatro popolare” mi chiedo come si saprà coniugare un concerto di musica classica con il contesto “centro sociale” dominato da ben altri tipi di suoni e mi guardo intorno.
La sensazione che si prova è quella di trovarsi a casa, essere parte di una comunità che cammina compatta verso obbiettivi condivisi. Eppure qui non ci ho mai messo piede. It’s a kind of magic.

Signore anziane -le tipiche vecchiette che immaginiamo vivere nei bassi-, turisti inglesi, friulani, universitari con e senza rasta, coppiette impacciate e coppiette consolidate, gente che ci prova con gente, famigliole, bimbi che urlano (e che non smettono mica a concerto iniziato, eh), amici che si scambiano pessimi consigli sulle donne: questo il pubblico incredibilmente eterogeneo. Scugnizzi giocano a biliardino in un angolo.

Dopo aver speso 5 minuti d’introduzione alla location, aver ringraziato l’uditorio per essere presente in un luogo occupato e quindi sostanzialmente fuorilegge, messo da parte ideologie politiche di sorta in nome di un desiderio di trasformazione dal basso autentico e concreto e aver presentato il concerto come una prova che tale processo è possibile, la parola è data all’ orchestra d’archi San Giovanni, nata a Napoli nel 2009 e diretta stabilmente dal Maestro Keith Goodman.

L’intera esibizione dura meno di un’ora. Fedeli al programma diffuso sui social prima dell’evento, la scaletta conta perlopiù colonne sonore di grandi classici del cinema tra cui i temi principali de Il Padrino, La leggenda del pianista sull’oceano, Il Postino, Amarcord: pezzi scelti sapientemente che arrivano dritti al cuore.

È facile lasciarsi emozionare da melodie familiari ed eseguite magistralmente.

È stato uno spettacolo di qualità seguito da un pubblico incantato: più volte, tra un pezzo e l’altro, sono partiti lunghi applausi spontanei.

Nel mezzo dell’esecuzione del classico tema di Nuovo Cinema Paradiso, suonata con dolcezza commovente, mi sorprendo a pensare che la musica non ha bisogno di teatri patinati, poltrone in velluto rosso e schienali ridipinti in oro, la musica è più grande di tutto questo, non necessita di una cornice inutilmente pomposa per risplendere.

Ogni brano dura intorno ai 3 minuti; esauriti quelli presentati nel programma, l’Orchestra regala due encore: il tema de La vita è bella e un Adeste Fideles d’obbligo, o quasi.
Entrambi i pezzi sono seguiti da standing ovation da un paio di minuti, segnale eloquente dell’indice di gradimento del pubblico. Un concerto che si è lasciato apprezzare e ascoltare, melodie che hanno saputo coinvolgere.

Lascio la sedia traballante e esco rapidamente dal Teatro: fuori più di un centinaio di persone attende l’inizio del secondo turno, che si è reso necessario data la cospicua adesione popolare all’evento e che l’Orchestra non ha esitato a concedere.

Editor Review

  • Performance

    0 Punti / 100 Punti

    78.5 Punti
  • Pubblico

    0 Punti / 100 Punti

    90 Punti
  • Organizzazione

    0 Punti / 100 Punti

    75 Punti
Cover Evento
Tag Evento

Lascia un commento

0 Comments on Orchestra San Giovanni @ Ex OPG Occupato – Je so’ pazzo 29/12/15

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>