Nite Jewel @ Spazio Intolab 3/06

Data: 5 giugno 2017 |

Il regno del synth raggiunge la perfezione minimale Time

Evento Information

Nite Jewel @ Spazio Intolab

Synth, tastiera e microfono. Il minimale regna nel mondo musicale di Nite Jewel.

Arriva direttamente da Los Angeles fino allo Spazio Intolab di Napoli un synth pop dal gusto retrò, ma con una immedesimazione contemporanea. Il live di Nite Jewel ha inizio dopo la mezzanotte. Nite sale sul palco dinanzi ad un pubblico misto, formato per lo più da persone adulte. Un pubblico che stenta ad accostarsi al palco: pare voler ascoltare la voce dell’artista in posizione rispettosa. Scopriremo più in là che questo atteggiamento nasconde forse dell’altro.

Capelli biondo platino e un vestitino nero ricco di trasparenze. Questo è il dress code che ci presenta Ramona Gonzalez, meglio nota come Nite Jewel. Una figurina minuta atterrata in perfetto stile anni ’80. Ci racconta il suo ultimo album Real High, un viaggio raffinato nel mondo del synth, il suo personale tocco a a questo genere musicale. L’accompagna un unico musicista “attaccato” alle tastiere.

La serata si apre con la performance dei suoi brani più celebri come Real High e In The Nite. Tocca a The Answer riscaldare il palco avvolto da opache luci rosse. La Jewel ci porta tutti in California, in un elegante club di Los Angeles. Con la sua voce sensuale ed evocativa traccia uno squarcio dimensionale formato da infinita luce splendente.

Dal microfono ci arrivano anche brani del passato artistico di Nite come Boo Hoo. Una “piccolissima” donna gioca costantemente con la tastiera e il sintetizzatore ondeggiando sulle proprie ginocchia. Ci sono molteplici sfaccettature nella sua immagine. Vediamo una giovane Madonna ma anche una Lady Gaga in miniatura e una oltremodo raffinata Mariah Carey.

Visibilmente divertita, la Jewel cerca di scherzare col pubblico esclamando: “Napoli is fucking amazing!”. Ma gli spettatori sembrano spenti o forse incapaci di comprendere la qualità del live a cui stanno prendendo parte.

2 Good 2 Be True ci regala una mistica risoluzione elettronica dal sapore armonico. Erotica ma mai eccessiva, la cantante mantiene una forma costantemente elegante. Sbarazzina ed energica, sembra professare i dogmi del post-moderno in musica. Confess to U concede un momento dance alla sala.

Siamo quasi alla fine del live e scopriamo che c’è posto anche per un attimo di introspezione. Nite “si nasconde” dietro l’asta del microfono per narrarci parole di amore e nostalgia. La sua voce è un canto angelico. Rimangono infine poco più di dieci spettatori sotto al palco. La maggior parte del pubblico preferisce relegarsi nella stanzetta adiacente per bere e fumare. Poco prima di salutare i presenti Nite infatti dice con tono ironico: “Thank you for drinking and watching me”.

Nite Jewel potrebbe essere una perfetta figura di un carillon. Una bambolina che gira e rigira al suono della musica. Nessuna litania nel suo vorticare ma solo un synth pop originale. Quello che piace alle ragazze che osservano oltre, che sono all’avanguardia.

 

Editor Review

  • Performance

    0 Punti / 100 Punti

    75 Punti
  • Pubblico

    0 Punti / 100 Punti

    60 Punti
  • Organizzazione

    0 Punti / 100 Punti

    60 Punti
Cover Evento
Tag Evento

Lascia un commento

0 Comments on Nite Jewel @ Spazio Intolab 3/06

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>