Naresh Ran – Martyris Bukkake

Data: 28 maggio 2018 |

Martyris Bukkake Track List

Album Information

Naresh Ran – Martyris Bukkake

Colonna sonora per immagini forti

È un viaggio nell’Ade l’album Martyris Bukkake del musicista fiorentino Naresh Ran, uscito lo scorso 30 aprile, per la “uber-sperimentaleDio Drone, label a cui ha dato luce lo stesso Naresh nel 2013.  Una sola traccia lunga poco più di un quarto d’ora, incisa su vinile oneside serigrafato, custodito da una mortifera immagine d’autore, disegnata dal musicista Coito Negato insieme allo stesso Ran e stampata a mano da Algas. Un tutt’uno in cui l’esperienza musicale diventa performance artistica; un insieme di strumenti a creare un’unica sonorità ipnotica ed estatica; un viaggio dentro un mondo inquieto che attira e coinvolge. Stridori, respiri e canti provenienti dalle anime dei morti e da enormi cattedrali, tenuti uniti da un suono scuro e drammatico, a tratti claustrofobico, tutto molto sacro.

L’album è stato registrato fra Firenze, Napoli, Milano, Ravenna, Pistoia e Londra, nell’inverno fra il 2017 e il 2018 e ha visto la collaborazione di vari musicisti, le cui melodie creano un rituale oscuro. Fra esse si riconoscono il metallo vibrato e sfregato del violoncello e gli stridori acuti della chitarra. Dopo il quinto minuto, è proprio la chitarra a diventare protagonista, incastrandosi su canti sacri che, verso la fine, si trasformano in urla come trascinate da un vento freddo, da una tempesta infernale, per poi ridistendersi in un coro maschile, in cui risalta la esse di martyris e di santo. E lo scheletro di un martire è quello che appare in copertina, trafitto da paletti: un lugubre San Sebastiano senza bellezza, col solo fascino della morte, infilzato da paletti transilvani.

Il titolo dell’album è provocatorio e sfacciato, porno: mescola e confonde la sacralità del martirio con pratiche sessuali dalla chiara provenienza estremo orientale. La verità è che forse il compito della musica di Ran è quello di creare un profondo rituale, in cui morte e sesso si fondono nel sacrificio di sé. L’album è perfetto per un trip dentro la parte più oscura di noi e ci si aspetta uno spettacolo totale dal vivo, un rito collettivo.

Editor Review

  • Valutazione

    0 Punti / 100 Punti

    68 Punti

Lascia un commento

0 Comments on Naresh Ran – Martyris Bukkake

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>