Musicraiser Accelerator? Vi spieghiamo cos’è.

Data: 18 gennaio 2017 |

Musicraiser Accelerator: il figlio prodigio di Musicraiser e Believe

Musicraiser e Believe uniscono le forze e danno vita ad un nuovo progetto: Musicraiser Accelerator, una nuova rampa di lancio per gli artisti più seguiti sulla piattaforma.

Prima di entrare nel merito di questa nuova offerta, facciamo il punto della situazione.

Musicraiser è la piattaforma di crowdfunding musicale leader in Italia, fondata nel 2012 da Giovanni Gulino (voce dei Marta Sui Tubi) e dalla compagna Tania Varuni (dj e event planner). In quattro anni ha finanziato oltre 850 progetti musicali grazie al supporto di 100.000 raiser iscritti. La piattaforma si rivolge ad artisti, promoter, case discografiche e agenzie di booking e permette di finanziare album, eventi e progetti speciali attraverso gli strumenti del crowdfunding (raccolta fondi per realizzare un progetto) e del pre-order (campagne di vendita album o tickets per eventi abbinati a premi esclusivi per i fan). Il team fornisce consulenza e, su richiesta, anche realizzazione e spedizione di merchandising a tiratura limitata. Ogni campagna viene promossa grazie ai social media, al fine di massimizzare i risultati di vendita e di visibilità. (Tra i fruitori dei servizi di Musicraiser ricordiamo BjorkJohn MalkovichFranco BattiatoCalibro 35Dente, The Zen CircusI MinistriLo Stato SocialeAlessio Bertallot).

Believe, sede a Parigi e 5° partner di YouTube in Italia, è il principale distributore e fornitore di servizi discografici nel mondo. La divisione Italiana, fondata da Luca Stante, in dieci anni si è imposta come leader nel mercato indipendente discografico italiano, offrendo un servizio dedicato di distribuzione e promozione musicale e video, sia su piattaforme di download che di streaming. Believe si occupa di distribuzione del prodotto fisico, gestione dei diritti, attività di marketing, promozione e comunicazione off line. (Tra gli artisti del catalogo: Ludovico Einaudi, Ezio Bosso, Roberto Cacciapaglia, Tre Allegri Ragazzi Morti, Cosmo, The Zen Circus, Bjork, Bob Sinclar, Fatboy Slim, Mina, Mario Venuti, Cristina Donà, Briga). Con la recente acquisizione di Made In etaly (MIe), Believe costituisce ormai una vera e propria Major Indipendente, ossia al servizio delle etichette e dei musicisti indipendenti tutti.

Ora, fatte le dovute premesse, possiamo tornare a Musicraiser Accelerator. Il progetto si propone, su base meritocratica, di sostenere, promuovere e spingere gli artisti più seguiti sulla piattaforma. Ma vediamo come: a tutti i musicisti che coinvolgeranno almeno 200 fan in una campagna di crowdfunding verrà offerto un contratto che comprende distribuzione digitale e l’album CD nei negozi, più tre mesi di ufficio stampa (carta, web, radio e tv), mantenendo la libertà artistica e la proprietà del master.  Il traguardo dei 200 fan è solo lo step finale di un percorso di visibilità e promozione che premia gli artisti a partire dal coinvolgimento di 30 raiser, dopo i quali Believe offrirà una serie di “premi” alle band, in maniera diversificata e personalizzata.

Per saperne di più, potete visitare il sito ufficiale.

Featured Image
Post Tags

Lascia un commento

0 Comments on Musicraiser Accelerator? Vi spieghiamo cos’è.

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>