La colonna sonora di Doom nasconde strane immagini

Data: 3 giugno 2016 |

Doom 4, o semplicemente Doom, è il nuovo titolo dell’omonima saga sbarcato nel 2016 su Ps4, Xbox One e Windows.
Il gioco fa già parlare di sé a causa un mistero dietro una canzone della colonna sonora.

Sulla scia dei miei fratelli maggiori, fin da bambino coltivo una grande passione per i videogiochi datati. Ci sono talmente affezionato che l’aggettivo datato mi suona un po’ strano, oltre a farmi sentire in qualche modo vecchio e nostalgico.
Doom è sicuramente il primo videogioco fps (first person shooter) a cui abbia mai messo mano.

Da allora sono passati anni e la celebre saga, partita dalla mitica grafica a 8-bit, è giunta fino alle nostre piattaforme.

Negli scorsi giorni il videogame ha fatto parlare di sé per un episodio alquanto strano. Su Imgur è apparsa una strana immagine postata dall’utente Tom Butcher.
La foto è uno spettrogramma di una canzone della colonna sonora di Doom, chiamata Cyberdemon. Lo spettrogramma è la rappresentazione grafica dell’intensità del suono (Hz), ma è meglio lasciar parlare gli esperti che conoscono la verità tecnica dell’argomento.

L’analisi ha dimostrato che la canzone della soundtrack di Doom 4 nasconde un’immagine contenente simboli satanici, cioè un Pentacolo e i numeri “666”. Ovviamente c’è già chi grida allo scandalo, e lo stesso utente Tom Butcher dice che probabilmente questo elemento è alla base del coinvolgimento black nel gameplay del gioco.

Tuttavia, ricordo che gli ideatori del gioco sono sempre stati avvezzi a questo tipo di simbologia. Ricrodo, ad esempio, che l’icona da desktop di Doom 3 era appunto un pentacolo.

Noi non conosciamo la verità e potrebbe trattarsi, ad esempio, di una manovra di marketing.
L’unica certezza è che l’immagine è stata messa lì volontariamente, il che rende questo mistero ancora più accattivante.

 

Featured Image
Post Tags

Lascia un commento

0 Comments on La colonna sonora di Doom nasconde strane immagini

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>