Mama Marjas @ Officine Tarantine 27/12/2015

Data: 29 dicembre 2015 |

Mama Marjas: l'Africa in Puglia Time

Evento Information

Mama Marjas: l’Africa in Puglia

Lo scorso 27 Dicembre Taranto si è accesa come un albero di Natale, grazie all’evento tenutosi alle Officine Tarantine: il concerto di Mama Marjas. A più di due mesi dalla pubblicazione dell’album Mama, la cantante ha deciso di inaugurare il nuovo tour proprio nella città che l’ha vista sbocciare.

Grazie a dei giovani tarantini che hanno restituito alla città uno dei tanti spazi dismessi e d’importanza culturale e storica, ora gli Ex Baraccamenti Cattolica possono ospitare eventi come quello che si è svolto qualche giorno fa.

Come di consueto nei centri sociali, la musica jamaicana ha fatto da padrona, tramite i dj set in apertura di Marco Roots Train e Palazion, i quali in attesa della “diva” hanno intrattenuto la folla con delle vibes variopinte dalla dancehall, al dub, all’hip hop, talvolta fuse tra loro. I due erano coadiuvati dai membri degli SFK che ravvivavano l’energia dei presenti, fino ad arrivare al loro turno, in cui hanno rallegrato tutti i presenti grazie a brani storici come Puglia Sound.

MAma marjas alle officine tarantine Tra sonorità tropicali di Jamaica e Puglia, si fanno spazio le percussioni tribali dell’Intro Mama, e con loro ogni membro del complesso che accompagnerà la cantante per tutto il live. Irrompe dunque la voce di Mama Marjas su Mai, così, tanto per riscaldare l’atmosfera, e incalza poi con Rovine, che interpreta interamente, senza far sentire la mancanza di Clementino. Gli spettatori sono già in visibilio, la cantante indossa i panni de La Santa Muerte per interpretare La gente, e denuncia ciò che non va nel mondo, senza mandarle a dire continua instancabile con Curre Curre Guagliò e Più Guardo Lei, perché il fuoco dentro ce l’ha sia in ambito pubblico che personale. Carattere e sentimento sono preponderanti nella tarantina, e ciò viene rispecchiato nei suoi pezzi: infatti sa affrontare anche tematiche più soft, come nel caso di Come dimenticare, Mare e Bless the Ladies, perché ogni donna dovrebbe avere cuore e forza nella sua stessa misura.
Inoltre, Marjas non dimentica le sue e le nostre radici, ricordando Robert Nesta Marley e l’Africa, “culla della vita” da cui civiltà e musica sono partite, e dalla quale però poi bisogna spiccare il volo, come dimostra nell’assolo di violino in Chi sei.
Ma il richiamo delle terre del sole è troppo forte, e la voglia di far festa è tanta: apre le danze Sonia Cubanita, invitata a salire sul palco e mostrare perché sia la musa ispiratrice della salsa di Tiene Tumbao, e visto che si è in ballo, lei e le sue Taranto Dancehall Dancers sfoggiano la loro Negritude insieme alla cantante, a dimostrazione che quando si è neri dentro, per avere stile basta Poco Poco.
E siccome i figli dell’Africa sono ovunque, la festa continua col rock’n’roll de Il Pollo, seguita da Dicono, ed all’improvviso siamo negli USA degli Anni ’50. Ormai è viaggio nello spazio e nel tempo, e andando a ritroso col jazz dei sotterranei di New Orleans, Mama Marjas e Alberto “Ese” Genovese dei Duppy Rockers dimostrano le loro potenzialità poliedriche. Tra un colpo di contrabbasso e un po’ di scat, si fanno avanti anche i (signori) musicisti, quali Antonio Oliveti alle percussioni e Camillo Pace al contrabbasso.

Insomma, questo concerto, tutta la varietà di musica respirata e le tematiche trattate, indicano che per essere cittadino del mondo ci vuole stomaco, e per diventare una donna carismatica come la suddetta, ci vuole altrettanto cuore.

 

Foto: Valeria Dutty Wine

Editor Review

  • Performance

    0 Punti / 100 Punti

    89 Punti
  • Pubblico

    0 Punti / 100 Punti

    70 Punti
  • Organizzazione

    0 Punti / 100 Punti

    79 Punti
Cover Evento
Tag Evento

Lascia un commento

0 Comments on Mama Marjas @ Officine Tarantine 27/12/2015

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>