Losange – Web Interview

Data: 8 novembre 2017 |

Losange – Web Interview

Losange: il pop sperimentale che di pop non ha niente

Losange è il progetto solista di Benoit Baudrin, nato a Aix-en-Provance, nel sud della Francia.
Il suo pop sperimentale lascia spazio a poche parole, ma a molte domande proprio perché Losange ha la straordinaria capacità di arrivare al punto servendosi solo di synth e delle più diverse influenze, dalla musica classica al pop. Abbiamo contattato l’artista per conoscerlo meglio.

- Hai individuato uno scopo nella musica o il miglior modo per viverla è alla maniera che insegna Oscar Wilde: ”Art for Art’s Sake”?

- Did you find a purpose for your music or you just live following the old Oscar Wilde’s motto: Art for art’s sake?

Sometimes I wonder if living is not an excuse for listening music. Music sums up everything and at the same time is useless.

A volte mi chiedo se la vita non sia altro che una scusa per ascoltare musica. Le note sono la somma di tutto e anche lo stesso tempo è inutile.

- I tuoi brani sanno calmare e mettere di buon umore, ma anche assumere toni inquieti: da cosa trai l’ispirazione per le tue composizioni?

- Your songs have the power to calm someone down and make everyone happy, even if there are some moving tones. Where do you find inspiration for your music?

In silence, in solitude. I compose for my spiritual need, it’s a meditative exercise.

Nel silenzio, nella solitudine. Compongo per una necessità spirituale, è un esercizio di meditazione.

- Impossibile non prestare attenzione alle geometrie altrettanto concettuali che fanno da copertina ai tuoi dischi: fino a che punto sono parte dell’opera stessa?

- Geometry is a constant in you artworks: what is its connection with your music?

Geometric form is an idea, perfect therefore not real. Music is made of mathematic, our mind like order.

Una forma geometrica è un’idea, perfetta ma non reale. La musica è fatta di matematica, in un ordine mentale tutto nostro.

- A tal proposito, a quale artista figurativo ti senti concettualmente più vicino?

- Talking about geometry, who is the figurative artist you feel closer to?

Paul Cézanne, Pablo Picasso, Henri Matisse.

- Losange (rombo) è un titolo per un progetto allo stesso tempo bizzarro e enigmatico: cosa ti ha portato a scegliere questo nome?

- Why did you choose Losange as you artist name? This name does have a story for sure.

It has a french consonance that I like. It has a connection with an obscure emotion from my childhood.

Ha una consonante francese che mi piace. È anche colelgata ad una emozione “oscura” che ha caratterizzato la mia fanciullezza.

- Il tuo ultimo disco, Quartz, è uscito per Johnkôôl Records: è l’occasione per esibirti dal vivo? Cosa apprezzi maggiormente dell’esibirsi davanti ad un pubblico?

- Quartz was out for Johnkôôl Records: has the time arrived to see you performing live? What do you appreciate the most when you play for a proper public?

Yes, I have several dates. I approach the question of live differently from my albums, It’s more raw, less melodic, my goal is to get people into a trance state.

Sì, ho diverse date. Il modo di approcciarmi ai live è un po’ differente dai miei album: è più grezzo, meno melodico, il mio obiettivo è portare il pubblico in uno stato di trance.

- Quale artista o opera in particolare ha influenzato maggiormente la stesura di Quartz?

- Is there any work or artist that influenced you the most during the creation process of Quartz?

The album “Discovery” from Daft Punk is always on my mind when it comes to production. Otherwise, I listen a lot of classical music like Mozart, Bach, and Scheidemann. But the technic of fm synthesis itself is an inspiration.

Discovery dei Daft Punk risuona sempre nella mia mente quando si tratta di produrre. In alternativa ascolto molta musica classica come Mozart, Bach e Scheidermann. La tecnica della sintesi a modulazione di frequenza (Sintesi FM) è già di per sé un’ispirazione.

- Ascoltando il tuo ultimo lavoro si evince un legame viscerale con la natura incontaminata, anche se i suoni che maneggi sono figli di una cultura più metropolitana: come spieghi questo contrasto?

– Listening to your last work I felt a strong connection with nature, even if your sound belong to a metropolitan culture: how do you explain this kind of contrast?

I live in an isolated house, surrounded by nature, it’s there that I find inspiration, alone with my laptop. Nature confront us to what we really are. Technology is the extension of our thoughts. It’s the union between nature and technology.

Vivo in una casa isolata, circondata dalla natura. Lì trovo ispirazione, da solo con il mio portatile. La natura ci affronta per ciò che realmente siamo. La tecnologia è un’estensione dei nostri pensieri. È praticamente il collegamento tra natura e tecnologia.

Featured Image
Post Tags

Lascia un commento

0 Comments on Losange – Web Interview

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>