Duane Forrest – The Climb

Data: 7 agosto 2017 |

Album Information

Duane Forrest – The Climb

Il privilegio del viaggio, per un artista, è sempre qualcosa da celebrare, un terreno da preparare con amorevole cura per far sì che la musica vi cresca spontaneamente. Deve essersi reso conto anche di questo il giovane artista canadese Duane Forrest, nato e cresciuto a Toronto da genitori giamaicani. Partendo dal quartiere popolare dove ha trascorso l’infanzia, si è avventurato nel colorato mondo sudamericano, vivendo a periodi in Paesi come il Messico, l’Honduras e Porto Rico. Conoscere persone, ascoltare storie, imparare strumenti e lingue, assimilare tradizioni e cultura; al termine del viaggio, o quantomeno di una parte del viaggio, Duane ci presenta il suo esordio discografico, The Climb, secondo capitolo di un progetto chiamato Apple in tree.

A dargli lo spunto, una delle motivazioni più comuni dell’agire umano, talmente comune da poter suonare banale: l’amore per una ragazza, autodefinitasi “la mela in cima all’albero”, quella per cui si deve faticare, e la delusione che consegue al mancato raggiungimento della vetta. In questo disco si parla d’amore, si sente l’amore e la sua assenza, e se risulta banale poco importa. Il sound che Duane riesce a creare, proprio grazie a quel suo vissuto ricco e tormentato, è particolare e interessante, e giustifica da solo l’interesse.

L’apertura quasi in sordina di Edge of the sea ci da subito un’idea chiara di cosa aspettarsi: una voca calda e rilassata, accompagnata da una discreta percussione, una chitarra acustica da spiaggia e da campionature lontane che parlano di mari al tramonto. Malinconia sorridente, che nel corso dell’album assume le più svariate sfumature. Oceans, ad esempio, è dinamica e trascinante, vestita di un leggero vestito rock, Midsummer Night’s Dream ha una scanzonata anima r’n’b che fa sorridere, Wedding Bells investe con la dolcezza tipica del cantautorato acustico senza pretese, G’Morning Bossa ha un titolo che parla da solo.

Un mix di generi e influenze musicali ben costruito e armonizzato, come quei frullatoni di frutta estivi dei quali non vuoi conoscere gli ingredienti, basti sapere che è buono. Duane ci parla di lui con aria divertita, lievemente nostalgica, pieno di vibrazioni positive. E’ impossibile ascoltare le tredici tracce di The Climb senza sentirsi un pizzico più allegri e ben disposti verso gli altri, il passato e il futuro. Non ci sono grosse pretese, solo una sincera voglia di creare un legame con chi lo ascolta, farsi stare simpatico. E ci riesce. Duane, amico mio, spero che tu riesca a trovare la tua donna, la tua strada, la tua felicità. Nel frattempo, continua a fare musica, che ti viene proprio bene.

Editor Review

  • Valutazione

    0 Punti / 100 Punti

    74 Punti
Album Cover
Album Tags

Lascia un commento

0 Comments on Duane Forrest – The Climb

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>