Drovag – Drovag

Data: 5 ottobre 2018 |

Drovag Track List

Album Information

Drovag – Drovag

Ma quanti dischi ha tirato fuori Alessandro Vagnoni in questi mesi? Instancabile il polistrumentista marchigiano già membro dei Bologna Violenta, Ronin, Bushi, Empty Set, ex-Dark Lunacy, ex-Infernal Poetry, etc, ha dato vita ad un progetto nuovo: Drovag.

Dopo Grayscaleye e Khompa, anche Vagnoni si cimenta in un progetto nel quale la batteria è la vera protagonista ed è il mezzo per suonare tutto contemporaneamente (batterie, percussioni, synth e voce), sulla scia di artisti quali Nate Wood e Josh Dion.

Drovag, pubblicato il 5 ottobre 2018 per l’etichetta indipendente eubpdv records, suona elettronica, drum and bass ma allo stesso tempo ha un retrogusto prog e funk. Otto le tracce del disco, diverse tra loro e variegate, a partire dall’electro di Smokers Lungs, che suona decisa e mette subito in risalto la maestria di Alessandro nel suonare le pelli. Interessanti i suoni dei synth, utilizzati quasi come rinforzi armonici per la voce.

Segue Thursday Slaughters che vede R.Y.F. prestare la voce al brano. La seconda traccia usa un suono più ruvido e corposo, rimanda al crossover anni novanta con la voce spigolosa della cantautrice di Ravenna. I synth acidi danno un effetto lisercigo al tutto.

Poi c’è Forever Stranger con Nrec, si ha l’impressione dei Black Sabbath ad un rave.

Drovag nel suo debutto si circonda di ospiti, apprezzati artisti della scena DIY italiana e internazionale come nella quinta e nella settima traccia nelle quali il Vagnoni è accompagnato in ordine da String Theory e Vespertina.

Proprio nella traccia con Vespertina, Five and A Half Weeks, Alessandro esprime il meglio di sé: una canzone tranquilla dal profumo di new wave con la voce di Vespertina quasi irriconoscibile (nel’accezione positiva), profonda e intensa. Basso e synth in questa produzione servono a dare un tono cupo alla traccia.

Drovag è un progetto in cui Alessandro Vagnoni sembra riversi tutte le esperienze e i progetti accumulati negli anni, un calderone magico pieno di pozioni magiche e con effetti diversi.

Possiamo dirlo: Drovag è lo stregone della batteria con i suoi suoni magici.

Editor Review

  • Valutazione

    0 Punti / 100 Punti

    65 Punti
Album Cover
Album Tags

Lascia un commento

0 Comments on Drovag – Drovag

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>