Cristina Donà @ Lanificio 25 17/04/15

Data: 18 aprile 2015 |

Cristina Donà @ Lanificio 25 Time

Evento Information

Le luci soffuse, le chiacchiere sui divanetti, l’allegria. Gli oggetti sparsi, la musica… Il Lanificio 25 ha un’atmosfera tutta sua, ti accoglie proiettandoti in una dimensione distesa, un attimo prima il degrado di Porta Capuana, uno dopo l’attesa piacevole di un concerto.

Ho già seguito Cristina Donà, mi colpisce come artista, completamente fuori gli schemi e come donna. Poetica e rock, voce chitarra e tastiera. Così vicini, un disco rivelazione, più intimo di quelli precedenti, dai testi e le sonorità semplici. Scritto e arrangiato insieme al grande Saverio Lanza, complice e amico anche sul palco in uno spettacolo davvero coinvolgente. Prodotto e arrangiato da Saverio Lanza. “Così vicini è una necessità, il bisogno di ritrovare un’intimità perduta, la stessa di quando si guarda qualcuno dritto negli occhi. E’ il desiderio di esplorare ciò che siamo di fronte ai nostri sentimenti, ai nostri ricordi come di fronte a chi ci sta accanto, sia esso una persona, un paesaggio, un sentimento, un Dio. C’è la voglia di osservare con uno sguardo nuovo il nostro mondo interiore nel tentativo di comprendere, crescere, migliorare ma anche di esorcizzare i propri demoni. Un modo per dare valore alla nostra parte umana”. Prendo in prestito le sue parole per parlarvi di un disco che spero vi colpirà quanto ha colpito me. Perpendicolare al cuore, canzone per il figlio, tratta la maternità e questo amore assoluto senza mai esser banale, o scontata. Un amore che colpisce perpendicolarmente al cuore, in questa dicotomia di geometrie ed emozioni davvero particolare. Il senso delle cose, pezzo molto diverso dagli altri, più rock, evocativo e cupo, dal testo notevole. La ricerca, evidente in tutto il disco, la volontà di andare oltre. Oltre ciò che appare, toccando con mano e cuore le viscere di ciò che accade. Un bisogno forte, lo si può quasi toccare: Recuperare legami fatti di mille sfumature, silenzi, luoghi, privi dell’alienazione complicata di oggi. Rimarcare sulla passione, sull’immediatezza d’un incontro fisico tra corpi, senza la volontà di mediare, di spiegarsi… “Da quanto hai rinunciato al tuo silenzio? Da quanto non ti fermi, da quanto tempo?” Siamo Vivi mi inchioda. Chi non si sente messo KO da queste domande? Non v’è nulla da obiettare; una Donà oramai adulta, ci propone un lavoro di consapevolezza, di introspezione. Un prato, il cielo sul viso, gli occhi chiusi. Eccolo che arriva, L’infinito nella testa, il pezzo più mio, ognuno ne ha uno, di questo album tanto maturo. Forti le descrizioni, l’essenzialità dei testi, accessibili come filastrocche. “A braccia aperte qui distesi, felici prigionieri di questa terra viva che ci colora. L’Infinito nella testa, viaggia in una luce sola. Taglia la nebbia una rondine. L’infinito nella testa di una rondine.” E questo latente, ma costante rapporto con la terra, che esplode nella chiusura. Senza parole, pezzo scritto immaginando di poter comunicare con un meraviglioso paesaggio, col tramonto più romantico, con questa terra alla quale dimentichiamo di appartenere, illudendoci sia stata impacchettata per noi. Il concerto è finito. Le luci son ancora spente. Così vicini, la seguiremo ancora.

Guarda QUI la gallery fotografica della serata

Editor Review

  • Performance

    0 Punti / 100 Punti

    100 Punti
  • Pubblico

    0 Punti / 100 Punti

    80 Punti
  • Organizzazione

    0 Punti / 100 Punti

    70 Punti
Cover Evento
Tag Evento

Lascia un commento

0 Comments on Cristina Donà @ Lanificio 25 17/04/15

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>