Come creare musica via internet.

Data: 5 dicembre 2016 |

Forse non lo sai, ma il tuo browser può diventare un tool sorprendentemente efficace grazie alle Interfacce audio Web, che permettono a sviluppatori e producer di creare synth e una grande quantità di suoni.

I browser internet ne hanno fatta di strada.

Basta avere accesso ad un browser (come ad esempio Google Chrome) per registrare un loop di batteria, oppure creare un brano di qualsiasi genere. Il sogno di creare musica durante la pausa pranzo oppure durante i momenti morti sta diventando realtà.

Ecco selezionati alcuni degli strumenti più divertenti, innovativi e utili con i quali, indipendentemente dalle proprie abilità, ci si può divertire.

 

Google Chrome Music Lab

Se sei ansioso al sol pensiero di creare musica con un computer, Google Chrome Music Lab è il luogo esatto dove iniziare a sperimentare. Il Lab è in effetti il contenitore di un gran numero di concetti base della musica elettronica: ti aiuta a creare sequenze di melodie, suonare accordi base e ti spiega anche la differenza tra diversi oscillatori (alla base per la creazione dei synth). Bastano 30 minuti su questa piattaforma per acquisire le nozioni base per aprire Ableton Live ed avere una minima idea di quali siano i concetti base dai quali partire.

Novation Launchpad Intro

Novation Launchpad è uno dei controller MIDI più diffusi sul mercato. Disponibile in versione standard, pro e iOS app, può essere anche utilizzato in versione web pronta da usare. È disponibile solo un set predefinito di sample, ma se stai cercando un’introduzione al processo creativo musicale e al lavoro con i loop (parte fondamentale per Ableton Live e software analoghi) è un ottimo modo per iniziare.

Sampulator

I campionatori sono gli strumenti ideali da utilizzare via browser. Sampulator è il campionatore più semplice da usare on line. Comprende interi set di percussioni, tastiere, chitarre e voci, il che vi evita il grattacapo di preparare i propri sample in maniera indipendente. Basta cliccare su “Record” e poi potrai registrare interi brani e salvarli. È disponibile anche l’opzione per acquistare più set di quanti ne siano già disponibili.

Pixelsynth

Anche se non capisci un tubo di una onda quadra, con Pixelsynth è relativamente semplice creare musica. In pratica si tratta di un synt visuale che traduce qualsiasi immagine in suono: basta selezionare uno dei template inclusi oppure caricarne uno proprio, premere “Play”, e il cursore magicamente si muoverà lungo lo schermo riproducendo le note presenti sulle parti bianche dell’immagine monocromatica visualizzata. Non è uno strumento per creare melodie o arpeggi, ma se hai intenzione di creare tonalità che abbiano una precisione matematica, sicuramente è uno dei tool più facili e funzionali da usare.

WebXoX

Se stai cercando una drum machine che non sia una Roland, non esitare ad utilizzare WebXox. Ha solo quattro suoni di batteria tra i quali poter scegliere, ma hai un numero di controlli su ogni canale che è difficile da trovare in qualsiasi drum machine fisica o in qualsiasi plug-in. Può essere definito più un drum synth che una drum machine, infatti dà la possibilità di creare onde per ogni oscillatore, aggiungere elementi di ogni tipo per poter modellare il suono a proprio piacimento. Se non hai voglia di sperimentare, puoi anche utilizzare i vari kit che sono stati caricati dalla cominita WebXox.

WebSID

Se stai cercando un software che emuli esclusivamente i suoni del caro vecchio Commodore 64, sei nel posto giusto. WebSID è un plug in di Google Chrone che ti permette di portare l’esperienza sonora dei videogame dei primi anni ’80 nel tuo browser. Potrai riprodurre gli arpeggi di grandi classici videoludici come Last Ninja e Bubble Bobble, e avrai anche il pieno controllo dei filtri e degli echi di ogni suono. È possibile anche registrarli e condividerli via social con un semplice click. In breve, siete di fronte all’oggetto del desiderio di tutti gli amanti del retrogaming.

WebModular

Può sembrare un sintetizzatore modulatore di base, ma è molto di più. WebModular ha a disposizione tutti gli elementi che sono alla base della creazione di una traccia di musica elettronica e alla sua modulazione, inoltre permette di collegare ogni modulo mediante cavi virtuali, modificando pitch, frequenze e toni. Se non hai idea di nessuna di queste cose di cui stiamo parlanto e hai solo voglia di suonare, sono disponibili una serie di preset che possono renderti questa esperienza musicale molto più semplice ed intuitiva.

 

Insomma, Internet ci dà la possibilità di poterci divertire, ma ricordiamo sempre che i veri musicisti sono quelli che studiano anni per raggiungere una conoscenza approfondita della musica e degli strumenti musicali. I plug in e i siti che vi abbiamo elencato sono un modo per poter trovare nella musica un giusto svago, magari creando anche dei ritornelli accattivanti da far ascoltare ai tuoi amici.

Have fun with music.

Featured Image
Post Tags

Lascia un commento

0 Comments on Come creare musica via internet.

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>