Come Accendere un Fuoco?

Data: 4 giugno 2016 |

Saper accendere un falò è un capacità di estrema importanza.
Oggi vedremo tutti i consigli su come accendere un fuoco e di quali attrezzi si ha bisogno.

Ci sono certe situazioni in cui saper accendere un fuoco è un abilità di cui non si può fare a meno.
Ovviamente ci sono mille modi per poterlo fare, ma noi ci limiteremo ad esporre quelli più originali e semplici; vedremo in particolare come accendere un fuoco, anche senza accendino o fiammifero.

Innanzitutto, è importantissima la scelta della legna. Ricorda che deve essere secca, in modo da mantenere vivo il fuoco.
Procurati foglie secche, ramoscelli, erbaccia, che sarà la base per il vostro fuoco. I ceppi di legno più grandi e spessi, invece, serviranno a tenere il fuoco vivo e acceso per più tempo.
Ricorda inoltre che solitamente più falò minori riscaldano di più rispetto ad una grande fiamma.

Bene, ora possiamo iniziare.

Pila da 9V e Retina per i Piatti

Tendenzialmente va bene qualsiasi pila di forma rettangolare, mentre per la paglietta per i piatti è preferibile utilizzare una di quelle molto sottili.

Prendi la pila e, con il lato dei poli, inizia strofinare energicamente sulla superficie della retina. La corrente che si crea tra le due superfici è tanto maggiore quanto più sottile è la retina.

Se hai proceduto correttamente, la paglietta dovrebbe cominciare a produrre qualche minuscola scintilla. Quindi, soffia delicatamente in modo da alimentare il fuoco.

Una volta che hai prodotto abbastanza fuoco di base, prendi la retina e trasferiscila sulla tua base di foglie secche e legnetti; ecco il tuo fuoco.

Trapano a Mano

Al contrario di quanto potrebbe suggerire il nome, qui non c’è bisogno di tecnologia; questo metodo ricorda anzi quello con cui gli uomini preistorici accendevano un fuoco.

Trova un pezzo di legno secco, preferibilmente molto ampio e pratica un piccolo foro con la punta di un coltello a forma di V.

Prendi ora dei piccoli pezzi di corteccia e foglie secche e mettili intorno al foro, essi hanno la funzione di catturare qualche scintilla e di tenerla viva.

Ora prendi un bastoncino non troppo sottile (altrimenti c’è il rischio che si spezzi) e metti una delle due estremità all’interno del foro.
Tienilo fra i due palmi e inizia a farlo ruotare, accertandoti di applicare contemporaneamente una pressione verso il basso.

Quando si formerà una scintilla che “mangerà” le foglie secche, trasferiscile su un piccolo pezzo di corteccia o di legno secco fino a quando la scintilla non provocherà una vera e propria combustione.
Una volta fatto ciò, basta trasferire la fiamma sulla tua base per il fuoco e il gioco è fatto.

Lente di Ingrandimento

Questo metodo non ha bisogno di troppe spiegazioni. Sicuramente ci deve essere abbastanza sole, non coperto da nuvole, per ottenere un fascio di luce molto forte.

Va bene sia una lente di ingrandimento, sia una lente di un binocolo, che un paio di occhiali, che se bagnate aumenteranno la “forza” di ingrandimento.

Una volta preparata la solita base per il fuoco, prendi la lente e cerca la giusta angolazione in modo tale da creare un piccolo cerchio di luce (quanto più è piccolo, più sarà forte).

Con un po’ di pazienza dovrebbero iniziare a formarsi le prime fiammelle che, alimentate con altra legna secca, creeranno il tuo falò.

Anche se non l’abbiamo mai testato personalmente, si dice che è possibile ricavare una lente strofinando del cioccolato sul fondo di una lattina.

Come Accendere un Fuoco per Barbecue

Questo è l’ultimo modo e non fa parte dei modi per accendere un fuoco senza fiammiferi e accendino, e serve principalmente per cucinare cibi in pentola e padella.

Prendi delle scatolette di tonno vuote, avendo l’accortezza di togliere tutti i residui organici e cartacei dal suo interno.
Riempili poi con un combustibile qualsiasi (olio per lampade, alcool) e poni al suo interno dei pezzi di ovatta umida come fossero la miccia di una candela.

Le scatole di tonno hanno la stessa funzione dei bruciatori dei fornelli che tutti abbiamo in cucina, mentre l’ovatta servirà a ritardare lo spegnimento della fiamma.

Mettili all’interno del vostro barbecue secondo la tua necessità e con un pezzo di carta o un fiammifero accendi i “fornelli”.

Attenzione: non esagerate con la quantità di combustibile, questo procedimento richiede molta cura e attenzione.

Quindi cucinate il vostro sugo o la vostra pasta come se foste a casa vostra, e il gioco è fatto.

Featured Image
Post Tags

Lascia un commento

0 Comments on Come Accendere un Fuoco?

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>