C+C=Maxigross – Nuova Speranza

Data: 7 dicembre 2017 |

Album Information

C+C=Maxigross – Nuova Speranza

Nel corso della carriera e dello sviluppo di un gruppo musicale rinnovarsi è un processo fondamentale per non incappare nella trappola della banalità e del piattume.

Questo processo è stato pienamente compreso dai C+C=Maxigross, che dopo essersi fatti conoscere in tutto lo Stivale con i primi due album, Ruvain (2013) e Fluttarn (2015), hanno deciso di cimentarsi per la prima volta con un lavoro interamente in italiano. L’EP Nuova Speranza, uscito il primo dicembre per Trovarobato, mantiene lo stile che il gruppo veronese ha adottato negli album precedenti e il folk rock psichedelico che ha tanto caratterizzato la loro originalità non è per nulla snaturato, ma anzi arricchito da sonorità nuove ed esotiche.

Il filo conduttore che lega i tre brani è l’Africa e la musica etnica, i cui elementi caratteristici si sposano perfettamente con il sound del gruppo e il trip che rapisce l’ascoltatore è pregevole e mai scontato. Ogni brano ha una voce diversa e il leader del gruppo, Tobia Paltronieri, canta solo nella title-track che apre l’EP, un pezzo di oltre cinque minuti che rende chiaro sin dalle prime note il percorso affrontato dalla band; il secondo brano, probabilmente il più riuscito, è L’averla, che, partendo da un tema ambientalistico, cattura l’attenzione per la melodia che caratterizza il brano per tutta la sua durata e si fonde alla perfezione con una voce dolce e quasi sognante. La traccia conclusiva è Torna a casa, sicuramente il brano più africano di tutti, a causa della presenza del kamalen’goni, strumento tipico dell’Africa occidentale, suonato da Alioune Slysajah, co-produttore dell’album assieme a Miles Cooper Seaton.

Nei suoi 13 minuti di durata, Nuova Speranza è un lavoro ben strutturato per la sua capacità di unire la tradizione psichedelica italiana, che vede chiari riferimenti a Lucio Battisti ed Alan Sorrenti, al folk psichedelico dei Grateful Dead, senza però omettere un sound più nuovo, che ricorda molto i Verdena, e che ben si amalgama alla musica etnica che fa da base all’intero lavoro.

Il titolo dell’EP è, in conclusione, emblematico: nonostante l’innegabile qualità dei primi album dei C+C=Maxigross, appare chiaro che questo cambiamento possa portare a qualcosa di ancora più fruibile ed impegnato e la “nuova speranza” è proprio quella di ascoltare finalmente un lavoro che possa sancire la definitiva crescita della band e il conseguimento di una maturità ancora non raggiunta.

Editor Review

  • Valutazione

    0 Punti / 100 Punti

    68 Punti
Album Cover
Album Tags

Lascia un commento

0 Comments on C+C=Maxigross – Nuova Speranza

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>