Beatrice Antolini – Web Interview

Data: 30 marzo 2018 |

Beatrice Antolini – Web Interview

Tutto e niente: la combinazione perfetta di Beatrice Antolini

L’AB è il nuovo disco di Beatrice Antolini, giovane cantautrice e polistrumentista marchigiana, di adozione bolognese. Questo e molto di più ci ha raccontato in quest’intervista sulla sua storia e la sua musica.

- Ogni uomo è figlio del suo tempo, e del suo spazio naturalmente. Detto questo, come si ‘esce vivi’ da Macerata e dagli anni Novanta?

Me ne sono andata da macerata nel 2000 ma la città che ritengo “mia” è quella che ho nel cuore e quella dove ho vissuto veramente ovvero Bologna. Gli anni novanta li ho vissuti, ero piccola ma credo siano un bel patrimonio, c’era ancora molta autenticità.

Polistrumentista (dalla chitarra al synth è un attimo), e, per il tuo disco L’AB, anche produttrice e discografica. Ti è piaciuto vestire anche questi panni, o è un esperimento che non intendi più ripetere nella tua carriera?

L’ho fatto per tutti i dischi. Sono produttrice artistica di tutti i miei dischi e anche di altre produzioni che ho fatto qui al mio Big saloon studio. Non era la prima volta e non sarà l’ultima … è il mio lavoro! Discografica? No per quello c’è La tempesta dischi che è la mia etichetta.

- A distanza di un mese dall’uscita dell’album L’AB quali soddisfazioni ritieni più importanti, quali esperienze vorresti assolutamente cambiare, e quali invece inevitabilmente tenere strette a te?

Sono state solo soddisfazioni. Quello che ho adorato è l’interesse di voi giornalisti e dei recensori nell’aver compreso sviscerato e interpretato L’AB… grazie!

- I testi del disco si presentano abbastanza critici, notevolmente in contrasto con il tempo presente, ed è qualcosa che possiamo percepire già dalla prima traccia. Infatti nel tuo Insilence si ritrova la necessità del silenzio, appunto, fattore delicatamente scomparso nel mondo caotico e rumoroso che si fa carico delle nostre esistenze. Dove riesci a trovare il silenzio necessario alla sopravvivenza, se tale bisogno adempie a questa funzione?

Io quando sono nel mio studio a lavorare sono spesso da sola e in silenzio, in silenzio con la mia musica, in uno stato di quiete e ascolto.

I’m feeling lonely, è davvero così? Come affronti la solitudine? E quanto peso ha avuto nella tua vita fino a questo momento?

 Sono la persona con i migliori amici del mondo! Sono adorabili. Amo stare con gli altri, gli altri mi danno la gioia ed amo condividere ogni cosa ma nel lavoro, nel lavoro è inevitabile la solitudine a volte è stata troppa, a volte è stata terribile, a volte è stata bella a volte malinconica, ma per riuscire a portare a termine i miei dischi e tutti gli altri progetti con la mia metodologia, l’isolamento è l’unico modo.

-Il bellissimo niente che, anche nella recensione firmata Music Coast to Coast, viene sottolineato, colpisce particolarmente. Spesso è divertente ‘giocare con le parole’ e quindi creare delle espressioni suggestive che rimandano a svariati significati, molto relativi s’intende, ma per te cosa rappresenta questo Beautiful Nothing? È qualcosa che puoi condividere oppure rimane molto legato alla tua sfera emotiva?

Parla del bellissimo niente, che è un po’ la summa della condizione umana del mondo occidentale. un po’ come passiamo le nostre giornate, un po’ quella sensazione che sia ha la sera prima di mettersi a letto mentre ci si chiede quanto in più si avrebbe potuto fare, quante persone avremmo potuto aiutare, quante avremmo potuto non insultare al semaforo, quanto siamo utili al mondo, quanto vorremmo fare di più.

Quella sensazione di gioia perché magari la giornata è stata all’insegna di alcuni piaceri (il cibo, la serie tv etc.) ma mai completamente appagante.

Le giornate più belle per me sono quelle nelle quali non ho tempo di pensare perché sono troppo impegnata a fare.

Ma la sensazione spleen e annoiata del Beautiful nothing è in realtà piacevole per tutti, perché deresponsabilizza, è confortevole e poi … lo fanno tutti…..

dammi il niente

parlami di niente

bellissimo niente

bellissimo no?

il niente

si prende tutto il mio tempo

bellissimo niente

prendi posto

non lasciarmi nemmeno per un secondo

stammi vicino

Featured Image
Post Tags

Lascia un commento

0 Comments on Beatrice Antolini – Web Interview

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>