As One quintet – Omar Sosa quartet – Pomigliano Jazz 11/09/15

Data: 13 settembre 2015 |

As One quintet - Omar Sosa quartet - Pomigliano Jazz Time

Evento Information

Ancora applausi per le ultime tappe del Pjazz

Il Parco delle Acque non è nuovo al Pomigliano Jazz, né lo è la sua magia. Così non con minore magia si gioca in casa. Il parco è allestito a festa, con foto in mostra, stand di artigiani e gastronomia (street food, novità degli ultimi anni). Il palco è più grande di quelli che potevano ospitare le location precedenti, per lo più pedane incastonate tra questa e quella cornice, e tante, tante son le sedute.

Il terzultimo appuntamento del PomiglianoJazz ospita artisti meravigliosi: ad inaugurare la serata As One Quintet, campano, composto da cinque giovani jazzisti, tutti di gran livello, Andrea Santaniello al sax, Fabrizio Gaudino alla tromba e flicorno, Mino Lanzieri alla chitarra, Antonio Napolitano al contrabbasso e Luigi Del Prete alla batteria. Eseguono brani originali, tratti da RoseDawn, primo disco del quintetto. Prevale lo swing, il fraseggio sostenuto della tromba, crescente, grande rivelazione Fabrizio Gaudino, virtuoso trombettista italiano, caro alla critica e figlio di diverse collaborazioni con artisti internazionali.

Pomigliano-jazz-festival---As-One-quintet---Omar-Sosa-quartet---music-coast-to-coastTra interazioni col pubblico e performance il tempo vola, il pubblico è soddisfatto e pronto ad accogliere un’energia esplosiva. Soltanto pochi minuti dopo, infatti, è previsto il concerto dell’Omar Sosa Quartet, Omar Sosa al pianoforte, Fender Rhodes Childo Tomas al basso elettrico, voce e m’bira, Mola Sylla seconda voce, m’bira, xalam, e kongoman, ‘ngoni, talking drums e calebasse. Il progetto di Omar Sosa coinvolge musicisti provenienti dall’Africa, Cuba, Brasile e Francia, con lo scopo di celebrare e diffondere la massiccia eredità della musica africana. Vestito di bianco, danzante ed entusiasta ci coinvolge sin dalle prime battute, c’è folklore, suoni elettronici, c’è tanto di tribale, di sospeso. Si confondono sonorità dell’Africa e del Sud America. Il piano sembra un prolungamento della mano, un’appendice di tasti e corde dal quale si allontana di tanto in tanto per ballare e coinvolgere il pubblico. Il musicista cubano ha un tocco magico, uno stile unico, reso tale dagli anni spesi a studiare percussioni, codici e linguaggi della sua cultura e non solo. L’approccio è leggero, fomentato dalla complicità degli altri colleghi, dalle voci che ci allietano e le luci che rendono tutto più sospeso. Promuovono Ilè, l’ultimo disco, molto distante dai lavori precedenti e dal comune impiego della musica africana nel jazz. C’è davvero dietro l’impegno, mi chiedo, di diffondere le sonorità e la cultura di mamma Africa, sotto una chiave più erudita? Sembra di sì e Omar ci riesce benissimo.

Il pubblico è entusiasta ed il finale ci resta impresso, tutti in piedi per salutare il gruppo. Tutti insieme, tra simpatici interventi in un simpaticissimo ed improvvisato napoletano e tanta, tanta empatia. Un continuo scambio di esperienze, culture e calore, quel bel calore, tra bis e danze, di cui non ci si stanca mai.

Chiude la serata il dj set di Frank Diana, con repertorio a tema e la giusta atmosfera per riempire di vita, ancora per qualche ora, un parco normalmente destinato al passeggio, forse.

Prossimo appuntamento sempre qui, al Parco delle Acque, 20:30, sabato 12 settembre, Tullio De Piscopo e Napoli Jazz Project, ricco di sorprese ed ospiti speciali.

Editor Review

  • Performance

    0 Punti / 100 Punti

    80 Punti
  • Pubblico

    0 Punti / 100 Punti

    90 Punti
  • Organizzazione

    0 Punti / 100 Punti

    90 Punti
Cover Evento
Tag Evento

Lascia un commento

0 Comments on As One quintet – Omar Sosa quartet – Pomigliano Jazz 11/09/15

Lascia un Reply

Ti va di lasciare un commento?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>